Quasi 1 italiano su 2 lavora in una micro impresa (numero di dipendenti inferiore a 10).

Lo si apprende dall'Ufficio studi della CGIA. Si tratta di un numero quasi doppio rispetto a quello riferito alle grandi aziende. Sono oltre 7 milioni gli italiani impiegati nelle micro imprese, dove lavorano 1,5 milioni di persone in più rispetto agli addetti delle medie e grandi imprese.

I settori economici dove il peso delle micro è maggiore sono le attività immobiliari (93,3%), servizi alla persona, liberi professionisti e costruzioni. Mentre il comparto dove il numero di addetti è maggiore, è il commercio-autoriparazione, con quasi 2 milioni di soggetti.

Al sud, il peso delle micro-imprese è nettamente superiore rispetto al resto del Paese. L'incidenza degli addetti nelle piccolissime attività vede primeggiare la Calabria seguita dal Molise, Sicilia e Sardegna.