Nel 1800 alcuni avevano il compito poco felice di dissotterrare i corpi dei defunti dai cimiteri.

Lo si faceva con l’obiettivo, poco legale, di fornirli alle Università, a scopo di ricerca.
Servirsi di un cadavere attraverso le vie ordinarie e legali, infatti, non risultava essere cosa semplice. Per cui, in più occasioni, ci si affidava a figure che svolgevano tale operazione, cercando di farlo in modo da non essere scoperti.