Il tutolo di mais è una parte della spiga del mais.

E’ oggi impiegato per diversi scopi nell’industria ma anche nel settore agricolo. L’uso che ne viene fatto dipende anche dal tipo di lavorazione che subisce. Ad esempio, se viene macinato può essere utilizzato per molte applicazioni, grazie ad alcune proprietà che sono caratteristiche di questo materiale come l’elevata capacità di assorbimento di liquidi, la resistenza all’usura, una discreta abrasività ed una elevata elasticità.
Altro uso che viene fatto del tutolo è legato al combustibile. Risulta essere, infatti, molto efficace sostituendo il legno o la carbonella.
Inoltre tale parte del masi può essere funzionale alla costruzione di pipe. Per quanto riguarda le componenti, i granuli sono la parte pesante derivati dalla corona del tutolo, mentre le farine sono la parte leggera derivante dalle parti esterne.

Al riguardo i granulati di mais oggi sono impiegati principalmente nella lucidatura e levigatura dei metalli  e per la sabbiatura del legno, mentre le farine, per uso animale.

In sintesi il tutolo di mais può essere utilizzato in qualità di:

- integratore o supporto in mangimi;
- supporto in campo farmaceutico;
- lettiera per piccoli animali domestici;
- prodotto per la pulizia di metalli;
- prodotto per la pulizia di lenti;
- prodotto per sabbiare;
- produzione di pipe.

Per quanto riguarda l’utilizzo, la tecnica attuale permette di raccogliere il mais direttamente con delle macchine sul campo che sgranano le spighe. Il tutolo, considerato scarto, rimane nel campo e le cariossidi di mais vanno quasi obbligatoriamente inviate all’essiccatoio.