Prosegue nel 2022 la detrazione delle spese per interventi straordinari di sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni.


O, ancora, realizzazione di impianti di irrigazione, pozzi, coperture a verde e giardini pensili, comprese le spese di progettazione e di manutenzione (ad esempio la potatura degli alberi) connesse agli interventi citati.

La detrazione è pari al 36% dal calcolare su un tetto massimo di spesa pari a 5 mila euro per ciascuna abitazione.

Di fatto, l’ammontare detraibile non potrà eccedere i 1.800,00 (5.000 * 36%) e andrà ripartito in dieci quote annuali di pari importo, nell’anno di sostenimento delle spese ed in quelli successivi.