Il settore delle energie rinnovabili ha dato lavoro nel mondo a 11 milioni di persone nel 2018, con un incremento del 6,8% rispetto ai 10,3 milioni del 2017.

Il dato emerge dal rapporto annuale dell'International Renewable Energy Agency (Irena).
Nazioni dell'Estremo Oriente e del Sudest asiatico si sono affiancate alla Cina nell'esportazione di pannelli fotovoltaici. Malesia, Thailandia e Vietnam sono, infatti, tra le nazioni che hanno registrato l'aumento maggiore di occupazione.

Guardando alle diverse fonti di energia verde, un terzo dei lavoratori mondiali (3,6 milioni) è impiegato nel fotovoltaico.

In questo comparto l'occupazione è cresciuta in India, Sudest asiatico e Brasile, mentre è diminuita in Cina, Usa, Giappone e Unione Europea. Poco più di due milioni di persone lavorano sia nei biocombustibili liquidi, sia nell'idroelettrico. L'eolico dà lavoro a 1,2 milioni di persone, mentre sono 800mila gli impiegati nel solare termico e 787mila quelli nelle biomasse solide