Il Governo introduce agevolazioni contributive al 50% per chi assume donne

30/11/2023

Nel 2024, con l’introduzione di agevolazioni contributive sotto forma di sgravi del 50% sui contributi per le nuove assunzioni di donne, si assisterà ad un cambiamento radicale nel mondo del lavoro.

L’obiettivo di questa iniziativa è contribuire ad eliminare o almeno ridurre le disparità occupazionali tra uomini e donne.

Il decreto n. 365/2023, consultabile sul sito ufficiale del Ministero del Lavoro nella sezione Pubblicità Legale, stabilisce chiaramente i settori e le professioni che godranno di tali agevolazioni.

In particolare l’agevolazione è prevista nei confronti dei comparti lavorativi che presentano una disparità occupazionale di genere superiore al 25%, considerando una soglia minima del 12,2%.

L’incentivo, rappresentato da uno sgravio del 50% dei contributi dovuti dal datore di lavoro, si applica a diverse tipologie di assunzioni:

  • Assunzione a Tempo Indeterminato: Lo sgravio è valido per un periodo di 18 mesi.
  • Assunzione a Termine: In questo caso, l’incentivo ha una durata di 12 mesi, comprese eventuali proroghe.
  • Trasformazione a Tempo Indeterminato di un Rapporto a Termine: L’agevolazione copre un periodo totale di 18 mesi, considerando sia il primo che il secondo rapporto di lavoro.

Questi benefici non riguardano solo le assunzioni a tempo pieno, ma sono estesi anche a contratti a tempo parziale e a scopo di somministrazione di lavoro. Tuttavia, è importante sottolineare che non si applicano ai rapporti di lavoro ripartito, domestico (come colf e badanti) o intermittente (a chiamata).

I destinatari di queste agevolazioni sono ampi e includono datori di lavoro, imprese e professionisti, nonché cooperative di lavoro.

Chi può beneficiare di queste agevolazioni?

  • Uomini o Donne con almeno 50 anni di età e disoccupati da oltre 12 mesi.
  • Donne di ogni età residenti in aree svantaggiate e prive di impiego retribuito regolare da almeno sei mesi.
  • Donne di ogni età con professioni o settori caratterizzati da disparità occupazionale di genere e prive di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi.
  • Donne di ogni età, ovunque residenti, prive di impiego regolarmente retribuito da 24 mesi.
3 mesi fa

Blog

Blog

Indennità di maternità 2024

L'indennità di maternità 2024 è un trattamento economico che spetta alle lavoratrici che si astengono dal lavoro per la nascita di un figlio. La durata del congedo di maternit&agr...
29/02/2024
Blog

Stretta sulla sicurezza sul lavoro: come funziona la patente a punti e quali sono le sanzioni

La sicurezza sul lavoro è un tema molto importante e attuale, soprattutto dopo la tragedia nel cantiere di Firenze che ha causato la morte di quattro operai. Il governo sta lavorando a un provv...
28/02/2024
Blog

Ape sociale, le novità per il 2024: l'età minima richiesta è aumentata da 63 anni a 63 anni e 5 mesi

L'Ape sociale è un'indennità che permette di anticipare la pensione a determinate categorie di lavoratori svantaggiati. Per il 2024, ci sono alcune novità che riguardano i requisi...
26/02/2024
Blog

Titoli di Stato, Buoni e Libretti Postali fuori dal calcolo dell'ISEE?

La legge di bilancio 2024 ha stabilito che i titoli di Stato e i prodotti finanziari di raccolta del risparmio con obbligo di rimborso assistito dalla garanzia dello Stato, come i buoni e i libretti p...
23/02/2024
Caricamento...