Sembrava potesse essere questa la settimana giusta.


E invece dovrebbe slittare ancora l’atteso bando per il corso-concorso della Regione Campania, legato a circa 10mila posti di lavoro negli enti campani. Il governatore Vincenzo De Luca aveva annunciato che il bando stesso sarebbe stato pubblicato in Gazzetta in questi giorni. Attraverso delle recenti dichiarazioni, tuttavia, il presidente della Regione ha evidenziato la necessità di sbrogliare le ultime questioni burocratiche e procedurali, al fine di dare avvio all'iter concorsuale.
“Abbiamo perso un pò di tempo in più - sottolinea De Luca – perché parlando di occupazione, deve intervenire anche il Ministero della Funzione Pubblica. E secondo le norma nazionali, prima di fare assunzioni pubbliche, bisogna verificare la mobilità sul territorio nazionale. Tuttavia, potremmo avere una deroga per la Campania. Voglio partire subito. Con il Ministro Giulia Buongiorno - aggiunge - abbiamo convenuto che nella giornata di venerdì invieremo la bozza del bando al Ministero. E contiamo poi di pubblicarlo in Gazzetta entro maggio”.
Un percorso tortuoso, quindi, che, se da un lato è spiegabile per via dell'alto numero di posti messi a concorso e dei relativi immaginabili partecipanti, dall'altro fa storcere un pò il naso. Inutile dire che sono in tanti, tra speranza e diffidenza, ad attendere l’uscita del bando che vedrà coinvolti 285 enti della Campania