Stando ai dati Istat, al primo trimestre 2018 gli inattivi - ovvero coloro che credono di non riuscire a trovare lavoro e quindi non lo cercano - in Italia sarebbero quasi un milione e mezzo (1.489.000).

Un numero di ‘scoraggiati’ davvero impressionante che, tuttavia, non appare così facilmente calcolabile. Anche perché si dovrebbe capire cosa vuol dire “non cercare lavoro”. Significa che non si inviano curriculum? O che non ci si iscrive al Centro per l’impiego? O ancora che si afferma apertamente di aver peso le speranze!?
Ma alla luce di tutte le difficoltà, ci si può permettere di non cercare più?