Il Decreto Rilancio prevede agevolazioni anche per andare in vacanza.

Per il 2020, infatti, è riconosciuto alle famiglie con un Isee non superiore a 40.000 euro, un credito per le vacanze pari a 500 euro per ogni nucleo familiare con figlio a carico ed a 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone. Inoltre, 150 euro andranno ai nuclei caratterizzati da una sola persona. Il bonus è utilizzabile per i pagamenti legati alla fruizione dei servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico ricettive, dagli agriturismi e dai bed&breakfast. Il contributo sarà a carico degli operatori turistici che verranno rimborsati, con un credito d’imposta, nel 2021. Il voucher può essere accettato, ma anche rifiutato dall’operatore turistico. La volontà di utilizzarlo va comunicata dal turista all’albergatore al momento della prenotazione.