L’emergenza Coronavirus ha generato difficoltà e situazione critiche, ma ha anche fatto sì che nascessero nuovi lavori che prima non esistevano.

E tra essi: l’addetto all’anticontagio, il COVID manager, lo steward di spiaggia, il mobility manager e l’assistente civico. Imprese, società e amministrazioni stanno, quindi cercando di adattarsi alle esigenze generate dall’emergenza Coronavirus. In tal senso si sono attivati dei corsi di formazioni funzionali alle nuove figure richieste. Rientrano tra questi i percorsi per addetti all’anticontagio, figure che che potranno risultare fondamentali nell’ambito della Grande distribuzione organizzata ed in quello della ristorazione o dello spettacolo. Il Governo, poi, ha rilanciato la figura dell’assistente civico, volontario che garantisce il rispetto delle normative. Lo steward di spiaggia, inoltre, si occupa degli utenti nei litoranei e diove vengano effettuate attività di balneazione. Oltre a far rispettare distanze e a monitorare gli ingressi, questa figure fornisce informazioni utili su come in sicurezza l’esperienza.
Spazio anche ad impieghi di coordinamento, come il COVID manager, che si occupa di monitorare l’attuazione delle misure di prevenzione e controllo anticontagio. La figura è stata già introdotta in diverse Regioni e sta prendendo piede in tutta Italia. Rappresenta il collante tra aziende ed istituzioni.
Insomma, figure nuove alle quali potrebbero aggiungersene altre. Tutto ciò senza contare il peso che ha assunto e sta assumendo il lavoro da remoto. La tendenza, infatti, è di svolgere sempre più attività da casa ed a distanza e legate al mondo del web e di staccarsi in modo graduale dalla ‘fisicità’ di luoghi e rapporti.